Cerca
Close this search box.

Come aumentare le visite al sito web?

Aumentare le visite al sito è importante per far scoprire il tuo brand e i tuoi servizi a nuovi clienti. Leggi l'articolo per scoprire in quali modi puoi ottenere traffico gratuito e a pagamento.
Facebook
Twitter
LinkedIn
come aumentare le visite al sito web

Tabella dei Contenuti

Ti sei mai chiesto quante visite arrivano al tuo sito web ogni mese? E da dove arriva questo traffico?

Se credi che sia una domanda inutile, ti sbagli di grosso! Infatti la provenienza del traffico (numero di visite al sito web) ne determina il valore e quindi la maggiore o minore possibilità di trasformare queste visite da potenziali clienti a clienti reali e paganti, che generano fatturato per il tuo business.

Inoltre, più visite ricevi più avrai possibilità di ottenere contatti.

Quindi, oggi ti spiegherò perché le visite al sito web non sono tutte uguali, come scegliere le fonti di traffico per il tuo sito web in base alla possibilità di intercettare o meno i potenziali clienti interessati ai tuoi prodotti/servizi.

Le fonti di traffico al sito web

Iniziamo subito col dire che esistono 2 modi per portare traffico al tuo sito web:

  • ottenere traffico gratuito (le visite arrivano da sole, senza che tu faccia nulla, anche se sei in ferie)
  • ottenere traffico a pagamento (devi comprare le visite una per una attraverso delle campagne pubblicitarie, come si fa con la pubblicità tradizionale)

Le due fonti di traffico non sono alternative, anzi nei progetti migliori lavorano entrambe con una strategia integrata.

Le visite al sito non sono tutte uguali

Gli utenti che arrivano al tuo sito, possono visitare la home, le pagine dei servizi o le pagine del blog, decidere di interagire, contattarti, etc. Cosa significa questo? Che ogni utente ha una particolare motivazione che lo ha portato sul tuo sito. Conoscerla e sfruttarla diventa fondamentare per capire quali sono le visite più interessate ai tuoi sevizi e quali quelle su cui c’è ancora da lavorare un po’ prima di riuscire a farti scegliere (o scegliere un tuo servizio).

Questa informazione ti serve anche a comprendere il “valore” del tuo traffico attuale e decidere su quale canale (sorgente di traffico) investire per incrementare le visite al tuo sito, in base ai tuoi obiettivi.

visite al sito web sorgente traffico web analytics
Pannello di Analytics: sorgenti traffico del sito web

Origine del traffico

Le visite al tuo sito web possono provenire da diverse fonti (chiamate sorgenti di traffico o canali) e possono avere un valore diverso.

Un esempio di sorgenti/canali di traffico sono:

  • Organic Search: il canale organico, ossia il traffico ottenuto attraverso i motori di ricerca (rientra nel traffico gratuito ottenuto grazie alla SEO).
  • Organic Social: il traffico che arriva al sito attraverso i tuoi canali social (rientra nel traffico gratuito).
  • Referral: racchiude tutte le visite che sono arrivate al tuo sito seguendo un link presente in altri siti web.
  • Direct: racchiude tutte le visite di persone che sono entrate sul tuo sito seguendo un link presente su un documento, condiviso via chat, o digitando esattamente il tuo nome dominio (non proveniente da altri siti).

Valore del traffico

Ad esempio, il traffico organico generato dai motori di ricerca (Organic Search) tende ad essere di alta qualità, in quanto arriva da utenti che sono in cerca di informazioni specifiche.

In questo canale abbiamo gli utenti “consapevoli”, che si attivano per fare una ricerca, trovare un’informazione o una soluzione a un bisogno. Ad esempio: se il mio gatto ha prurito potrei cercare su Google “dermatologo gatti”, oppure se cerco un’azienda che installi antifurti domestici potrei cercare “impianto di allarme”, ecc.

In base ai risultati della ricerca restituiti da Google, mi farò un’idea di chi contattare o prendere in considerazione (se la tua azienda non compare tra i risultati delle parole chiave più importanti, stai perdendo una grande opportunità!).

Avere un buon posizionamento sui motori di ricerca permette di: far scoprire il proprio brand, sito, servizi. Puoi ingaggiare l’utente proprio nel momento in cui vuole fare un acquisto o contattare un professionista (qui si apre tutto un capito sugli “intenti di ricerca” degli utenti).

Al contrario, le visite ottenute da annunci pubblicitari potrebbero avere un valore inferiore, in quanto gli utenti potrebbero non essere interessati al contenuto del sito, soprattutto se parliamo di banner e pubblicità “intrusiva” o “interruttiva”, cioè che interrompe l’utente mentre sta leggendo una pagina del sito o guardando un video (quante volte è capitato anche a te di essere interrotto da popup fin troppo fastidiosi?). In tal caso le persone potrebbero abbandonare la navigazione del sito rapidamente.

Attenzione: la pubblicità profilata (quella che avviene sui social) e quella su rete ricerca (che sfrutta la ricerca degli utenti sui motori di ricerca e quindi il loro elevatissimo grado di interesse) sono invece fondamentali per ottenere conversioni (sia per la lead generation – generazione di contatti, che per gli e-commerce – vendita di prodotti).

Coinvolgimento dei utenti

Il grado di coinvolgimento degli utenti rappresenta il livello di interesse della persona al tuo prodotto/servizio, e determina il valore della “visita al sito”. Può essere misurato con diversi KPI (Indicatori di Performance):

  • tempo trascorso sul sito web
  • numero di pagine visitate
  • interazione con form di contatto o bottoni
  • altre azioni

Se hai individuato bene il tuo percorso di conversione (o buyers’ journey), sai perfettamente in quale punto del percorso di scelta si trovano quegli utenti che compiono, o non compiono, una determinata azione. Quindi sai anche quali leve utilizzare per portarli allo step successivo, fino a farli diventare tuoi clienti.

Se così non fosse, ti consiglio di studiare bene la tua buyer personas (il profilo ideale del tuo cliente tipo) e comprendere quali sono gli step principali lungo il suo percorso di acquisto (cosa valuta, dove prende informazioni, cosa è determinante per lei/lui, quali sono i suoi dubbi, etc.).

Ora entriamo nella pratica e vediamo cosa puoi fare per aumentare subito le visite al sito internet.

Aumentare le visite al sito gratis – traffico gratutito

Le visite che arrivano al sito gratuitamente possono provenire dai motori di ricerca (SEO), dai social, da altri siti o da chi cerca direttamente te.

Una caratteristica di tutte queste sorgenti di traffico è che sono lente da far crescere, ma ti fanno ottenere un traffico solido e duraturo nel tempo (quindi è un ottimo investimento per la strategia di lungo periodo).

Traffico organico (SEO)

Il traffico organico è tutto quello che arriva dai motori di ricerca, in particolare grazie alle attività SEO (Indicizzazione, Posizionamento e Ottimizzazione per i motori di ricerca, appunto).

Se vendi servizi di consulenza informatica o sei una palestra, potresti ricevere visite al sito da utenti che cercano “consulenza informatica + nome-città” oppure “sala pesi vicino a me” (è solo un esempio). In questo caso puoi intercettare gratuitamente tutti quegli utenti che sono predisposti ad un contatto! Quindi che si trovano nella fase finale del tuo percorso di conversione.

Sempre grazie alla SEO potresti decidere di intercettare gratuitamente anche tutti quegli utenti che si attivano sui motori di ricerca per trovare informazioni (quindi sono un pochino più lontani dal punto di conversione, ma stanno facendo delle valutazioni, si stanno informando). È il caso degli utenti che digitano ricerche come “come proteggere la rete aziendale dagli attacchi hacker?”, “scheda di allenamento per perdere peso”, etc.

Per intercettare questo tipo di utenti, diventa fondamentale la sezione Blog del sito web. Grazie al Blog si possono implementare innumerevoli strategie di conversione, ma ne parleremo in un altro articolo.

Cosa fare?

Inizia subito una strategia SEO: analizza le ricerche più frequenti fatte dai tuoi utenti sui motori di ricerca e ottimizza il tuo sito in base a queste, crea contenuti di valore che rispondano ai loro bisogni (Content Marketing).

visite al sito dai motori di ricerca seo google
Motori di ricerca: Google

Traffico social organico 

Il traffico social organico si riferisce alle visite provenienti dai social media in modo naturale e non pagando. Questo tipo di traffico si genera quando gli utenti scoprono e visitano il tuo sito web attraverso i link condivisi sulle piattaforme di social media come Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn, ecc.

Questo tipo di traffico è lento da far crescere ma in genere è caratterizzato da un grande coinvolgimento degli utenti e da un pubblico molto profilato (infatti lo hai determinato tu con la strategia di social media marketing). La sua qualità ovviamente varia in base alla tua strategia social, al tipo di contenuto che condividi e all’interesse del tuo pubblico di riferimento.

Cosa fare?

Punta alla qualità: inizia da subito a creare contenuti di valore (testo, immagini, video, info-grafiche) grazie ad una buona strategia di Content Marketing, coinvolgi attivamente il tuo pubblico e promuovi una presenza autentica sui social media.

Traffico da referral organico

Il traffico da Referral organico si riferisce alle visite al tuo sito web che provengono da altri siti web in modo naturale e non pagando. Questo tipo di traffico si genera quando un sito web esterno inserisce un link al tuo sito web e gli utenti fanno click su quel link per accedere al tuo sito.

Il traffico da Referral organico può provenire da una varietà di fonti, come blog, forum, directory, siti di recensioni, social media, testate giornalistiche e così via. Questo traffico di solito aumenta la visibilità del tuo sito presso utenti qualificati (interessati ai tuoi prodotti/servizi), aumenta la credibilità e fiducia nel tuo nome brand e porta con sé buoni tassi di coinvolgimento.

Come fare?

Inizia da subito a sviluppare il tuo network: inserisciti nelle community interessate ai tuoi servizi per contribuire con la tua voce e dare il tuo contributo (non ti limitare solo mettere i link al tuo sito o verrai tacciato per uno spammer!), pubblica articoli su siti di aziende complementari al tuo business (ad esempio, se sei un personal trainer, potresti instaurare una collaborazione con un medico professionista o con un produttore di indumenti tecnici per il fitness).

Traffico diretto

Molti lo sottovalutano: è il traffico che arriva al tuo sito web dagli utenti che cercano proprio il tuo sito perché già lo conoscono o qualcuno glielo ha suggerito o linkato (hai presente quando condividi un link su whatsapp con i tuoi amici?).

Ci sono brand i cui nomi generano 10.000 ricerche mensili sui motori di ricerca, altri solo 100, altri ancora zero. Tutto dipende dalla notorietà del brand. Inutile dire che queste persone stanno cercando proprio te!! Più in target di così!

Sappi che esiste il modo per aumentare (è più corretto dire stimolare) la ricerca del tuo nome da parte degli utenti.

Come fare?

Per prima cosa ricordati che le attività online sono il riflesso del mondo reale, quindi: l’offline condiziona l’online. Questo significa che se sei un’attività locale e fai campagne nella tua città (volantini, cartelloni, radio, etc.) stimolerai questo tipo di ricerche anche online.

Non solo, anche le menzioni sono fondamentali per aumentare questo tipo di traffico. Le menzioni le ottieni facendo in modo che qualcun altro parli di te, anche senza linkare il tuo sito.

Aumentare le visite pagando – traffico a pagamento

Per quanto riguarda il traffico a pagamento, è tutto quello che ottieni quando attivi delle campagne sponsorizzate: paghi per ottenere visibilità e visite al sito web. Sono dette attività Pay Per Clic (PPC).

Rientrano in questa categoria tutte le Strategie Advertising (note con l’acronimo ADV o ADS):

  • Google Ads – traffico a pagamento dalla rete ricerca, sono gli annunci sponsorizzati che trovi su Google
  • Facebook Ads – tutti i post sponsorizzati che trovi su Facebook
  • TikTok
  • Instagram
  • YouTube – hai presente la pubblicità che interrompe i video?
  • Linkedin
  • etc.

Potresti utilizzare queste forme di pubblicità per portare traffico al tuo sito web.

Una grande distinzione va fatta tra le campagne che sfruttano la profilazione degli utenti sulle piattaforme social da quelle che vengono diffuse attraverso la rete di ricerca.

  • Le campagne sponsorizzate sui social ti permettono di intercettare gli utenti e portarli a visitare il tuo sito attraverso le logiche di profilazione: scegliere il pubblico a cui mostrare i tuoi annunci in base a caratteristiche specifiche come sesso, età, interessi, comportamenti, etc. Le tue pubblicità saranno mostrate solo a chi ha determinati requisiti e quindi è potenzialmente in target con i tuoi servizi o prodotti. Se vendi lingerie femminile ti interessa intercettare un pubblico di donne, o di uomini, magari nel periodo natalizio o di San Valentino…
  • Le campagne che sfruttano la rete di ricerca sono quelle che mostrano i tuoi annunci sui motori di ricerca (Google, Bing, etc.). Come per il traffico organico, queste sfruttano il momento particolarmente proficuo in cui è l’utente ad attivarsi, quindi la visita che ottieni è particolarmente e attivamente interessata a ciò che offri.

La caratteristica della visite che ottieni attraverso le campagne sponsorizzate è che sono immediate (i risultati arrivano subito, oggi paghi, oggi hai clic), ma altrettanto immediate a scomparire (se fermi la campagna torni immediatamente invisibile, spariscono tutti i click).

traffico advertising sito web e seo
Traffico PPC o Pay Per Click

Conclusioni

Che fare? Quali tipo di visite preferire?

Le strategie e gli strumenti digitali non sono mai alternativi (è sbagliato pensare “se uso il sito non mi servono i social, oppure se uso la SEO non mi serve l’ADV”), sono piuttosto complementari, vanno usate in sinergia: 

  • la SEO lavora sul lungo periodo per permetterti di avere una grande visibilità e ottenere tanto traffico gratuito e stabile nel tempo;
  • l’ADV ti porta traffico immediatamente, ma può costarti davvero tanto se non è integrata con una buona strategia SEO.

Bene! Adesso che conosci i tanti modi per portare traffico al tuo sito web puoi farti un’idea più precisa di come sta funzionando il tuo sito web:

  • ti sta portando le visite giuste?
  • ti sta portando contatti?

Se vuoi migliorare la visibilità del tuo sito web, contattami, valuteremo insieme in che modo possiamo aumentare il traffico al tuo sito!

Guarda i risultati che ho ottenuto con vari clienti.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Advertising (ADV)

Attività pubblicitaria a pagamento. L’Advertising (o ADV) è una forma di comunicazione con lo scopo di persuadere un pubblico (spesso costituito da potenziali consumatori) a

Alberatura (del Sito Web)

L’alberatura di un sito web si riferisce alla sua struttura organizzativa e gerarchica, che determina come le informazioni sono categorizzate e presentate agli utenti e

Backlink

Un backlink è un collegamento che punta al tuo sito web da un altro sito web. Valore dei backlink Pensa ai backlink come a dei

Advertising (ADV)

Attività pubblicitaria a pagamento. L’Advertising (o ADV) è una forma di comunicazione con lo scopo di persuadere un pubblico (spesso costituito da potenziali consumatori) a

Alberatura (del Sito Web)

L’alberatura di un sito web si riferisce alla sua struttura organizzativa e gerarchica, che determina come le informazioni sono categorizzate e presentate agli utenti e

Backlink

Un backlink è un collegamento che punta al tuo sito web da un altro sito web. Valore dei backlink Pensa ai backlink come a dei

Tabella dei Contenuti

content marketing cos'è
Content marketing, cos’è e come si fa

Il Content Marketing è una tecnica di Inbound Marketing basata sulla produzione di contenuti utili e di valore per attirare nuovi contatti, trasformarli in clienti e aumentare le vendite.

indicizzazione sito web su google
Indicizzazione di un sito web

Cos’è e come funziona l’indicizzazione di un sito web? Scopri come verificare che il tuo sito sia correttamente indicizzato!

content marketing cos'è
Content marketing, cos’è e come si fa

Il Content Marketing è una tecnica di Inbound Marketing basata sulla produzione di contenuti utili e di valore per attirare nuovi contatti, trasformarli in clienti e aumentare le vendite.

indicizzazione sito web su google
Indicizzazione di un sito web

Cos’è e come funziona l’indicizzazione di un sito web? Scopri come verificare che il tuo sito sia correttamente indicizzato!